E la mattina dopo quella notte tutti e due sapevamo che non ce ne sarebbe stata un’altra uguale. Che io non potevo farla soffrire come lei ne aveva bisogno a meno di non fingere, e lei, anche se forse voleva crederci, non avrebbe resistito più di qualche ora con l’amore inequivocabile che io ho da dare. Perché dopo qualche ora lei comincia a sentirsi inquieta. Cerca di nasconderlo, ma io, con i miei sensi troppo acuti, colgo lo sguardo fuggente. La spalla che si raffredda. E questo mi svigorisce, mi porta a temere di perderla. E allora divento ancora più inequivocabile. L’amo ancora di più. Non sono così con nessun’altra donna. Solo con lei. Ma lei non riesce ad accettarlo. Non da me. Non a lungo. e neanch’io posso, a lungo, svigorirmi. Questo è il nostro cerchio. Un cerchio che, comunque lo rigiriamo, resterà sempre chiuso tenendoci prigionieri finché non saremo costretti a sfondarlo per scappare.

—La simmetria dei desideri - Eshkol Nevo

  1. maretta reblogged this from confessiontomake
  2. confessiontomake reblogged this from elisaday
  3. adreamcensored reblogged this from plettrude
  4. simpaticheprovocazioni reblogged this from plettrude
  5. plettrude reblogged this from elisaday
  6. elisaday posted this

NIGHTNIGHT by DEDDY